Incontri per gli odiatori: l’odio comune si avvicina?

L’applicazione odiatrice è apparsa a febbraio e ha immediatamente attirato l’attenzione degli utenti con il loro concetto insolito: uscire con l’odio comune di qualcosa. Funziona se sei sintonizzato per una relazione seria? L’opinione dello psicologo.

“E che tutti sono così indossati con questo” La-La-Landom “? Il film è una volta, ma Gosling ne è già stanco “. “Signore, beh, almeno qualcuno mi capisce!”

Trovare un “compagno in antipatia” nei social network è più semplice di un semplice. I gruppi in cui gli utenti condividono la propria irritazione su un particolare fenomeno o una persona ben nota sono quasi numerosi come le comunità di fan.

Se l’odio aiuta a trovare persone simili, forse può creare coppie? L’applicazione mobile hater recentemente rilasciata sta già testando questa idea. E sembra farlo con successo. A differenza di molti altri servizi di appuntamenti, è semplicemente disposto Hater: non è necessario compilare infiniti profili, indicare il colore degli occhi, la forma delle orecchie e il segno zodiacale. È abbastanza per scrivere ciò che ti infastidisce. “Buck Ice Cream”, “Twitter”, “Labbra con un’anatra su un selfie”, “Sesso in posizione missionaria”. Il numero di opzioni ha già superato diverse migliaia.

Quindi, i potenziali amanti hanno già un argomento. Ma può essere il culto infinito dei difetti delle nuove “Star Wars” di diventare la base per le relazioni reali e profonde?

Il creatore dell’applicazione, il comico di 29 anni ed ex banchiere Brandon Alper chiama non relazionarsi troppo sul serio. “Gli appuntamenti online si sono trasformati in una lezione noiosa”, afferma. – Fai semplicemente scorrere il dito lungo lo schermo – sinistra, destra, sinistra, destra. Una data, un altro, terzo. Fallimento. Cerca ancora. Volevo conoscere il web è diventato davvero divertente. Come nella vita “.

“Tutto dipende dal fatto che ci sia qualcosa in te oltre alla negatività.”

Maria Tikhonova, psicologa:

In effetti, l’applicazione si basa su un meccanismo molto antico. Sono persino sorpreso che non abbiano mai escogitato qualcosa del genere prima. Nei tempi antichi, le persone cresciute contro un’altra tribù: “Tu e io siamo vicini l’uno all’altro, perché non siamo quelli che odiamo”.

Quando amiamo qualcosa, ci identifichiamo con l’oggetto dell’amore. Qui, al contrario, c’è un eccezionale: abbiamo tagliato da noi stessi qualcosa a cui non vogliamo appartenere. In un certo senso, è più facile. Supponiamo che una persona lasci la relazione che lo ha infastidito. Segnala nella ricerca: qualsiasi cosa, ma non quello. Sa già che certamente non lo attrae e cerca di evitare errori.

Un altro punto positivo è associato alla risoluzione delle emozioni negative. Di solito all’inizio della relazione cerchiamo di mostrare altri aspetti più positivi. E qui inizialmente siamo d’accordo: puoi dire cose cattive.

Se questo funzionerà nel periodo a lungo termine – non è noto. Tutto dipende da ciò che una persona porta “nel campo della luce”. Dal punto di vista della

psicoanalisi, possediamo tutti sia la parte luminosa che l’ombra oscura. E se incontriamo una persona all’ombra, possiamo realizzare la nostra ombra. E come comunicheranno le nostre parti luminose: è incomprensibile.

Molte persone hanno un grande bisogno di “drenare la negatività” da qualche parte. Per qualche ragione, esiste un’opinione che se le emozioni negative si sono accumulate in te, devono schizzare fuori. Ma non è così. Ci sono molti altri modi: analizzare, capire cosa è connesso, per svelare un groviglio di esperienze complesse.

Le emozioni negative ci succhiano, ci sottomettici. E c’è un pericolo: se i miei pensieri sono pieni di malcontento, quali saranno le mie azioni allora?

Related Post